Bimbo si rovescia pentola d’olio bollente addosso

GIAVENO – Un bimbo di Giaveno ieri, lunedì 26 agosto, si è rovesciato una pentola di olio bollente addosso. Il piccolo di un anno e mezzo era in casa con la mamma. La donna aveva messo una pentola su una piastra a scaldare sul terrazzo. Il bimbo si è bruciato con l’olio che gli ha provocato ustioni di secondo grado su varie parti del corpo, bocca, gola, petto e braccio destro. Prontamente trasportato all’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, è ora in rianimazione. Al momento i medici non hanno ancora sciolto la prognosi e i Carabinieri stanno indagando sull’accaduto. Il bimbo di Giaveno è ricoverato all’Ospedale Infantile Regina Margherita specializzato nella prevenzione, diagnosi e cura delle varie malattie dell’età infantile. L’ospedale, con la presenza di tutte le specialità mediche, chirurgiche e diagnostiche è centro di riferimento per neonati, bambini e adolescenti per le patologie più complesse, rare e croniche. Fornisce prestazioni di alta specializzazione pediatrica, in considerazione della presenza delle specialità quali l’Onco-Ematologia e il centro Trapianti di cellule staminali, la Cardiologia interventistica e la Cardiochirurgia, la Neurochirurgia, il Centro Trapianti di Rene e Cuore, il Centro Grandi Ustionati, la Chirurgia Neonatale.Il numero unico di emergenza 112, NUE, è il numero di telefono per contattare i servizi di emergenza nell’Unione Europea. In particolare è attivo anche in Valsusa e Val Sangone. Permette di contattare Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Emergenza Sanitaria. È stato istituito per rendere più tempestivo il sistema delle emergenze. Il 112 è gratuito, multilingue, contattabile via telefono, fisso e cellulare, 24 ore su 24. Permette la localizzazione immediata degli utenti che chiamano. Chi chiama, per segnalare situazioni di emergenza e richiedere il pronto intervento, deve indicare nome, indirizzo e numero di telefono, oltre al luogo dove è necessario l’intervento. Gli operatori, accuratamente formati, contattano immediatamente la sala operativa competente a risolvere l’emergenza.

Precedente Appuntamenti estivi al meraviglioso Giardino Botanico Rea